Cerca nel sito
Visite
Visite [+/-]
Oggi:
Ieri:
L'altroieri:
43
41
49

-8

Totale
Dal 1 Aprile 2010 129 364

Istanbul, 26-28 febbraio 2011

Convegno “ 50 anni della Missione Archeologica Italiana di Iasos. Iasos e il suo territorio”

Appunti di Chiara Pilo

 

I cinquant’anni di attività della Missione Archeologica Italiana di Iasos sono stati celebrati con un convegno internazionale di studi che si è tenuto ad Istanbul dal 26 al 28 febbraio 2011 nelle prestigiose sedi dell’Istituto Italiano di Cultura, dell’İstanbul Arkeoloji Müzeleri (Museo Archeologico) e dell’İstanbul Üniversitesi Rektörlügü (Rettorato dell’Università).

All’incontro, fortemente voluto da Fede Berti che ne ha curato l’organizzazione assieme a Daniela Baldoni e Marco Giuman, hanno preso parte molti degli studiosi che da lungo tempo sono impegnati nelle ricerche nell’antico centro di Iasos e nel suo territorio.

I lavori hanno avuto inizio la mattina del 26 febbraio con i saluti dell’ambasciatore italiano in Turchia Giampaolo Scarante, della direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura Gabriella Fortunato e di Fede Berti. La sessione di apertura è stata dedicata alle problematiche connesse alle frequentazioni più antiche del sito, precedenti alla fondazione della colonia greca, con l’intervento di Nicoletta Momigliano e quello di Mario Benzi e Gianpaolo Graziadio sul Tardo Bronzo III e i rapporti con i Micenei. Lo spazio pubblico ha costituito invece il filo conduttore dei contributi della seduta pomeridiana, incentrati sulle ricerche condotte nell’agorà della città greca e romana. Luigi Donati ha presentato lo studio delle strutture idriche della piazza e in particolare delle fontane di età arcaica, Fede Berti i risultati delle più recenti campagne di scavo nella stoà occidentale, mentre Maurizio Michelucci ha illustrato caratteristiche e materiali delle stipi votive portate alla luce nell’agorà. Gli aspetti epigrafici sono stati affrontati da Roberta Fabiani e Massimo Nafissi, che hanno esposto i risultati dello studio dei decreti di Iasos, e da Gianfranco Maddoli, che ha presentato un nuovo documento di vendita di sacerdozio.

La giornata successiva è stata dedicata alle tematiche connesse alla sfera del sacro con gli interventi di Maurizio Landolfi sui votivi del santuario di Zeus Megistos e di Antonella Romualdi sui materiali del santuario di Demetra e Kore, ai contesti abitativi con la presentazione delle fasi di vita e dell’apparato musivo e pittorico della domus dei mosaici a firma di Simonetta Angiolillo e Marco Giuman, e all’ambito funerario con le relazioni di Olivier Henry sulle tombe a camera, di Daniela Baldoni sui costumi funerari di età ellenistica e con la revisione degli interventi di anastilosi del monumento funerario noto come Balik Bazar di Roberto Parapetti. Le attività sono riprese nel pomeriggio con i risultati delle ricerche topografiche di Alessandro Viscogliosi nel settore urbano del cosiddetto Castello dell’Istmo e con il contributo di Nicolò Masturzo che ha illustrato il lavoro di aggiornamento e sistemazione della topografia urbana partendo da un’accurata revisioni delle notizie e degli studi antiquari. Le indagini nel territorio di Iasos sono state oggetto degli interventi di Raffaella Pierobon Benoit e di Lucia Cianciulli, rispettivamente dedicati alla ricostruzione delle attività produttive a partire dai dati emersi nel corso delle ricognizioni di superficie e alla particolare tipologia edilizia dei cosiddetti edifici Lelegi.

dibattito_finale

La sessione conclusiva del convegno, tenutasi nel pomeriggio del 28 febbraio, ha ospitato i lavori degli studiosi turchi. Abdulkadir Baran ha presentato una rivisitazione della diffusione del fregio ionico nell’architettura greca. Abuzer Kizil ha illustrato le recenti indagini e scoperte a Milas e nel suo territorio, tra cui spicca il ritrovamento nel centro della città della camera sepolcrale di un monumento funerario reale che conserva ancora un prestigioso sarcofago con scena di caccia. Un quadro storico delle città-stato della Caria tra la battaglia di Ipsos e quella di Magnesia è stato proposto da Mustafa Sayar.

La vivace e partecipata discussione che ha chiuso le attività del convegno è stata la conferma di come questo incontro di studi abbia rappresentato una preziosa occasione per ripercorrere alcuni dei principali filoni di ricerca che hanno interessato l’attività della Missione, oltre a costituire uno stimolante momento di confronto che ha evidenziato tutte le potenzialità del futuro proseguo delle indagini e degli studi. Sotto questi auspici si è posto il discorso conclusivo di Fede Berti, a cui sono andati i più calorosi ringraziamenti per l’attività svolta con passione e dedizioni in questi anni, lavoro che avrà senza dubbio modo di continuare al fianco del nuovo direttore Marcello Spanu, che si accinge a prendere in mano il testimone di questa significativa esperienza per l’archeologia italiana in Turchia.

 

Nella foto: il dibattito finale nella superba sala del Rettorato dell'Università di Istanbul.

 

Roberta Fabiani e Massimo Nafissi hanno tenuto una relazione al "2° Seminario Avanzato di Epigrafia Greca", svoltosi Il 7 e 8 gennaio 2011 a Bologna, ed organizzato da L. Criscuolo dell'Università di Bologna, in cui hanno dato informazioni sui progressi nello studio delle iscrizioni di Iasos, in particolare in riferimento ad alcuni monumenti epigrafici da Iasos conservati a Istanbul e presentati nella Mostra Marmi erranti. I marmi di Iasos presso i Musei Archeologici di Istanbul – Gezgin Taslar. Istanbul Arkeolojy Müzeleri'ndeki Iasos Mermerleri – Wandering Marbles. Marbles of Iasos at the Istanbul Archaeological Museums (Istanbul Arkeoloji Müzeleri 7.12.2010 – 4.7.2011).

 

tesseramento_ 2011

L'Associazione Iasos di Caria mantiene invariate le quote associative anche per l'anno 2015:

  • socio ordinario :                         €   50,00

  • socio sostenitore:    a partire da € 500,00

 Il versamento delle quote va effettuato sul  c.c. postale n. 11323441  intestato a:

Associazione Iasos di Caria, via Borgoleoni, 21 - 44121 Ferrara.

 


L’Associazione Iasos di Caria si è costituita a Ferrara nel 1995 con lo scopo di sostenere l’attività della Missione Archeologica Italiana di Iasos (Turchia).  L’Associazione non ha fine di lucro. Essa reperisce fondi per consentire alla Missione di condurre gli scavi archeologici e i lavori di restauro e ricerca programmati, promuove pubblicazioni, studi, incontri tecnico-scientifici ed iniziative culturali che abbiano per oggetto Iasos e la complessa realtà storica e monumentale di tale sito.

 

Compito dell'Associazione è, pertanto, quello di patrocinare gli scavi ed i restauri che si effettuano nel sito archeologico, le pubblicazioni sui ritrovamenti e le scoperte avvenute e di promuovere ogni iniziativa che serva alla loro divulgazione.

Possono essere ammessi a far parte dell’Associazione tutti coloro, persone ed Enti, che hanno obiettivo interesse alla valorizzazione dell’attività istituzionale. Possono essere associati anche Enti ed Associazioni italiani e stranieri.

Dal momento della sua costituzione, l’Associazione pubblica annualmente un proprio Bollettino che raccoglie contributi di natura storico-archeologica, recensioni, una rassegna bibliografica, un notiziario.

L'Associazione è iscritta nel registro delle associazioni di promozione sociale di Ferrara, istituito ai sensi della L. R. n. 34/02, in quanto finalizzata:

- alla tutela e valorizzazione del patrimonio storico, artistico, ambientale e naturale

- alla ricerca e promozione culturale ed etica.

Per contattarci: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - tel. 0532.209853 / 0532.203431 

 

 

Iasos e il suo territorio

Convegno a Istanbul dal 26 al 28 febbraio 2011

[ scarica il programma completo qui ]

Visita la sezione Convegni ed Eventi per tutte le informazioni

 

L’Associazione Iasos di Caria rientra, anche quest’anno, tra i beneficiari elencati dall’Agenzia delle Entrate nell’ambito della  “promozione della cultura e dell’arte”, della “ricerca scientifica” e della “tutela, promozione e valorizzazione delle cose d’interesse artistico e storico”.

La legge finanziaria consente di destinare una quota dell’Irpef del proprio reddito alle associazioni senza fini di lucro, qualunque sia il metodo di dichiarazione dei redditi (Unico, 730, CUD, pensioni, ecc.). 

A Lei non costa nulla, perché il 5 per mille viene scalato dalle tasse che già versa allo stato.

Il 5 per mille non sostituisce l'8 per mille (destinato alle confessioni religiose) e non è un costo aggiunto per il contribuente.

Con preghiera di girare questo invito ad amici e conoscenti, chiediamo di esprimere la vostra preferenza a sostegno dei progetti scientifici della nostra Associazione, che opera in Turchia nel campo della conoscenza e della salvaguardia dei beni culturali, fornendo un valido supporto al Paese ospite e dando al contempo lustro al nostro Paese.

Ogni contribuente può esprimere la sua preferenza affinché il 5 per mille delle sue imposte sia sttribuito all'organizzazione o ente che avrà specificato negli appositi spazi:

basta indicare, sotto la firma, il Codice Fiscale della Associazione Iasos di Caria 

93026800388 

nel riquadro “sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’ Art.10, c. 1, lett a) del D.Lgs n° 460 del 1997"

 grazie

 

Questo sito contiene dei Cookie. continuare la navigazione implica l'accettazione degli stessi. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information